RABBIA: MANIFESTARLA PER FAR VEDERE I BISOGNI – Dott.ssa Nadia Sanza | Psicologo Potenza | Psicologo Advanced Certified Schema Therapist www.psicologopotenza.it
Esprimere la rabbia in modo sano vuol dire affermare se stessi, comunicare i propri bisogni, farsi vedere, nelle relazioni. Dott.ssa Nadia Sanza, Psicologo Psicoterapeuta Potenza, via dei Molinari 10a, www.psicologopotenza.it
Rabbia, bisgoni, paura, Dott.ssa Nadia Sanza, psicologo potenza, psicologia potenza, psicologi potenza, www.psicologopotenza.it
2205
post-template-default,single,single-post,postid-2205,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-title-hidden,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

RABBIA: MANIFESTARLA PER FAR VEDERE I BISOGNI

Manifestare e dire che siamo in collera, esprimere la nostra rabbia, non solo non è sbagliato ma ci aiuta a star meglio con gli altri. Inoltre, ogni volta che reprimiamo la collera, la nostra autostima peggiora, poiché non prendiamo seriamente in considerazione i nostri bisogni e valori e non riusciamo ad esporli efficacemente agli altri (rischiando di far implodere dentro di noi quell’energia di cui la rabbia è fatta).

Usare efficacemente la propria rabbia nelle relazioni, significa prima di tutto accorgersi di provarla e poi essere consapevoli, saperne il perchè. Quando siamo in collera possiamo riconoscere i nostri bisogni, sia personali che relazionali, e possiamo farli vedere, comunicarli agli altri. La rabbia è infatti spesso una giusta espressione del nostro risentimento per un torto subito e una richiesta di riparazione.

Ma esprimere la rabbia in modo sano non vuol dire esplodere verbalmente o essere violenti, significa piuttosto affermare se stessi, comunicare i propri bisogni, farsi vedere. Un uso sano della rabbia non porta a svalutare o minacciare l’altro, ma neanche a danneggiare se stessi. La collera sana ha a che fare con l’equilibrio tra noi e gli altri, e con l’assertività.

 

Usate lo schema seguente (in corsivo le spiegazioni e gli esempi) per esercitarvi a comunicare efficacemente la collera:

“QUANDO TU…

in questa parte della consersazione è utile descrivere i comportamenti (o azioni) dell’altro e/o le sue parole, insomma far vedere all’altro le cose  che ci danno fastidio; conviene essere chiari e precisi, accurati, nella descrizione – esempio: non dite ‘Quanto sei odioso o sciocciante’ ma piuttosto. ‘Quando tu mi chiami … e usi quel sorrrisetto sulle labbra e lo ripeti più volte…’

IO SENTO…

in questo parte della comunicazione dobbiamo esprimere, parlare della nostra rabbia: abbiamo un problema con il comportamento o le parole dell’altra persona e questo problema ci porta a sentire una lieve tensione, irritazione, frustrazione o addiritura ira. Possiamo esprimere queste emozioni direttamente e in prima persona- esempio: “sono molto arrabbiato, offeso, deluso, stanco, irritato… non sopporto… mi da fastidio…”.

PERCHÉ AVREI AVUTO BISOGNO DI…

PERCHE’ PER ME E’ IMPORTANTE…

PERCHE’ CREDO, PENSO CHE…

qui esprimiamo i nostri bisogni, diritti, valori, istanze – esempio: ‘Credo di meritare rispetto’ oppure: ‘Penso che siamo tutti uguali’ o anche:’Non mi piace questa cosa’.

E TI CHIEDO DI …”

possiamo e dobbiamo fare all’altro richieste chiare e precise, ed ovviamente che siano fattibili. Pertanto diremo, ad esempio: ‘ti chiedo di smetterla’ oppure: ‘mi aspetto che tu cominci a chiamarmi …, ti accorga della mia reazione, mi chieda scusa’ cercando, come al primo punto, di essere meno generici e descrittivi possibile.

 

Ecco lo schema da riempire:

“QUANDO TU FAI… QUANDO TU DICI…

 

IO SENTO…

 

PERCHÉ AVREI AVUTO BISOGNO DI…

PERCHE’ PER ME E’ IMPORTANTE…

PERCHE’ CREDO, PENSO CHE…

 

E TI CHIEDO DI …”

 

 

 

Dott.ssa Nadia Sanza
nadiasanza@gmail.com

Psicologo Clinico, Psicoterapeuta, Advanced Certified Schema Therapist. Studio in Via dei Molinari, 10a Potenza. +393471043731

No Comments

Post A Comment

WP to LinkedIn Auto Publish Powered By : XYZScripts.com